Un libro: Red Country

In un’antologia di racconti che avevano come filo conduttore il trattare di “donne toste” ero incappata in una storia che mi aveva parecchio colpita: “Desperado” di Joe Abercrombie. Quando iniziai “Red Country” mi dissi: – Aspetta un attimo, io di mr. Abercrombie ho già letto qualcosa…

La raccolta di racconti in questione la acquistai perché avevo una dannata fame di leggere qualcosa di George R.R. Martin dato che avevo letteralmente divorato l’ultimo volume de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”; la commessa della libreria mi disse sconsolatamente che no, non aveva idea di quando sarebbe uscito il seguito, nessuno ne aveva idea, forse nemmeno Martin. C’erano esposti nella libreria molti libri suoi ad ogni modo, mi furono mostrati con un ampio gesto, ma io volevo tornare là, a Westeros, nel mondo del “Trono di Spade”. Alla fine mi decisi per la suddetta antologia, che recava il titolo del primo racconto, scritto da Martin, “La Principessa e le Regina”, che tratta di una succulenta faida per il Trono tutta Targaryen. Seguono altre storie di altri autori, la maggior parte molto intriganti, a parer mio.

Poi incappai, circa un anno dopo, in un romanzo che a prima vista pensavo fosse di genere western: “Red Country”.

redcountry

Lo iniziai perché era tra i primi dell’ordine alfabetico per autori del mio lettore e book, mi intrigava il titolo e mi immaginavo una bella storia di cow-boys, sceriffi, banditi, revolver e whiskey di pessima qualità…

Invece no. Come potrebbe essere definito “Red Country”? Un fantasy con un vago retrogusto western?

Un bel libro. Ecco quello che è senza ombra di dubbio.

La trama è articolata su un viaggio-ricerca che porterà i protagonisti ad un’evoluzione e una crescita sia interiore che nell’ambito dei rapporti tra loro.

Non ho potuto fare a meno di affezionarmi ai personaggi. Non sono né perfetti, né particolarmente eroici. Sono densi. Pieni di vita e anche di morte, di paura, vizio, rimorso, cupidigia, opportunismo. Ma anche coraggio, onore, amore, forza di volontà portata all’estremo.

Frecce che sibilano, coltelli luccicanti, vestiti laceri e brama dell’oro sono solo un pizzico degli elementi che condiscono questa brillante epopea.

Leggerò altri tuoi libri, Joe Abercrombie!